Cerca

Onde Medie di ritorno!

Onde Medie di ritorno!

Potenzialmente chiunque (anzi, sono favoriti i privati e nuovi soggetti) potrà aprire uno dei 148 siti disponibili per la trasmissione nell’abbandonata AM. Riportiamo dal sito del ministero:

 

Onde Medie a modulazione di ampiezza (AM): aperta la procedura per l’assegnazione delle frequenze.

Il Ministero ha dato il via alla procedura per l’assegnazione delle frequenze radio in onde medie a modulazione di ampiezza (AM) per le trasmissioni di radiodiffusione sonora.

In applicazione dell’articolo 4 della legge 29 luglio 2015 n. 115, che ha introdotto l’art. 24-bis del D.Lgs 177/2005 (c.d. TUSMAR) e secondo quanto previsto dal Regolamento per la definizione dei criteri e delle modalità di assegnazione delle frequenze radio in onde medie, adottato dall’ Agcom con delibera n. 3/2016, con avviso pubblico del 4 agosto 2016, la  Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali (DGSCERP) ha comunicato l’avvio della procedura per il rilascio del diritto d’uso delle frequenze radio.

Requisito previsto per l’assegnazione del diritto d’uso è la titolarità di autorizzazione generale, rilasciata ai sensi dell’art. 25 del codice delle comunicazioni elettroniche, che potrà essere assegnato anche a nuovi soggetti.
La durata del diritto d’uso delle frequenze radio sarà di 20 anni.

Le domande di partecipazione alla procedura devono essere presentate con le modalità indicate nel Avviso Pubblico e recapitate:

  • a mano presso la sede del Mise di Viale America 201, DGSCERP stanza A516 5° piano dal lunedì al venerdì, dalle ore 10,00 alle 12,00.
  • o tramite raccomandata A/R
  • o con invio di posta elettronica certificata all’indirizzo: dgscerp.div04@pec.mise.gov.it

L’elenco delle frequenze, con le relative schede tecniche, predisposte dalla DGPGRS, è consultabile in allegato.

Il termine di ricezione delle domande è il 30 settembre 2016.

soluzioniecologicheradiogalena

Torneranno in auge le radio a galena autocostruite? Speriamo di sì, con tante nuove emittenti!

Post collegati

Lascia un commento